Il Corso Universitario di Aggiornamento Professionale per Operatori dell’Estetica
Metodologia didattica
Esthetica prevede l’utilizzo di numerose ed innovative metodologie didattiche. Qui a lato puoi scoprire tutti gli strumenti che sono utilizzati, le relative caratteristiche e gli obiettivi che permettono di raggiungere.
Lezione frontale
La finalità prevalente della lezione è trasmettere concetti, informazioni, schemi interpretativi e conoscenze circa un determinato argomento e, in parte, omogeneizzare le disparità a livello cognitivo di un certo numero di persone.

Esercitazione individuale
L'esercitazione mira prevalentemente a stabilizzare l'apprendimento, colmare eventuali lacune sul tema trattato e rinforzare capacità inerenti lo svolgimento operativo di una certa attività manuale o intellettuale.

Esercitazione di gruppo
L'esercitazione rappresenta un momento integrativo di altre modalità didattiche e si fonda sul principio della cooperazione, che, in parte, persegue come obiettivo. Prevede l'assegnazione, ai componenti di un gruppo, di un compito particolare, al quale gli stessi devono fornire una soluzione. E' opportuna nel caso in cui sia importante la verifica del raggiungimento degli obiettivi didattici e sia richiesto lo sviluppo di capacità gestionali e di rapporto interpersonale. Tale modalità, infatti, induce e stimola i partecipanti a collaborare per raggiungere un risultato valutato come collettivo.

Lavoro di gruppo
Il lavoro di gruppo persegue obiettivi a livello sia di contenuto che di relazione. A livello di contenuto tende a facilitare lo scambio di idee e di esperienze tra i partecipanti e a consentire un maggiore approfondimento dei temi in oggetto. A livello di relazione, invece, tende ad accelerare il processo di socializzazione tra i partecipanti e ad aumentare l'interattività nel rapporto docente/partecipante.

Discussione in plenaria
Scopo prevalente della discussione è facilitare il confronto, l'integrazione reciproca e la verifica del raggiungimento degli obiettivi didattici. La forza del gruppo si riscontra nelle aumentate possibilità di stimolare la creatività nella soluzione di problemi destrutturando vari punti di vista, che verranno poi rivisitati ed integrati.

Case study
Il caso di studio permette di perseguire due ordini di obiettivi. Il primo, è focalizzato sui contenuti specifici del caso e concerne l'apprendimento di come diagnosticare e intervenire su situazioni analoghe a quelle presentate nel caso esposto e discusso. Il secondo è focalizzato sulle modalità di approccio al caso e concerne lo sviluppo delle capacità di analisi e di decisione mediante lo studio di situazioni e problemi complessi, consentendo ai principianti di confrontarsi sulle scelte più adeguate alla risoluzione di problemi.

Role-playing
Lo scopo del role-playing è far acquisire ai partecipanti abilità comportamentali, ovvero migliorare la loro capacità di affrontare situazioni. Ciò consente una successiva analisi dei vissuti, delle dinamiche interpersonali, delle modalità di esercizio di specifici ruoli e, più in generale, dei processi di comunicazione agiti nel contesto rappresentato. Il role-playing costituisce un'esperienza costruita e condivisa dal gruppo in apprendimento e pertanto la sua valenza in termini didattici risulta particolarmente efficace dal momento che ne facilita i processi di identificazione e coinvolgimento.

Simulazione
Questa modalità consente di sperimentare situazioni vicine alle problematiche riscontrate nel lavoro di tutti i giorni. E' opportuna nei casi in cui l'oggetto o la situazione che si vuole simulare è difficilmente riproducibile nella realtà.

Movie training
Quando il materiale cinematografico offre una dimostrazione chiara e puntuale di un comportamento che si vuole analizzare siamo in presenza di un esempio, che può essere in positivo (vi faccio vedere come si dovrebbe fare) oppure in negativo (vi faccio vedere cosa bisognerebbe evitare). Ma possiamo parlare di esercizio quando un film (o una sua scena) definiscono un obiettivo o un compito che rappresenta una sfida che “mette alla prova” le competenze dei partecipanti: ad esempio propone un problema da risolvere oppure evidenzia la necessità di prendere una decisione.

Teatro d’impresa
All’interno delle Week Academy, sarà possibile mettersi alla prova in un reale teatro fiorentino con uno strumento di formazione innovativo che offre ai partecipanti la possibilità di riflettere sui propri atteggiamenti e comportamenti in una forma lieve ed ironica ma nello stesso tempo di grande impatto. Grazie a questa modalità è possibile superare le resistenze che i metodi di formazione tradizionali possono a volte suscitare, favorendo così un processo attivo di interpretazione e ristrutturazione della realtà.